Decreto Ministeriale 21 novembre 1997 n. 497

Regolamento recante attuazione delle direttive comunitarie riguardanti il miglioramento della sicurezza e della
salute dei lavoratori da parte delle rappresentanze diplomatiche e consolari italiane all'estero.



( pubblicato su : Gazzetta Ufficiale Italiana n. 20 de 26/1/98 )


SOMMARIO

Art. 1. - Campo di applicazione.

Art. 2. - Coordinamento e controllo.

Art. 3. - Sorveglianza sanitaria.

TESTO

IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI di concerto con i Ministri del lavoro e della previdenza sociale, della sanita' e per la funzione pubblica. Visto il decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n.18, recante: "Ordinamento
dell'Amministrazione degli affari esteri;

Visto l'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, come modificato dal decreto
legislativo 19 marzo 1996, n. 242;

Visto l'articolo 17, commi 3 e 4, della legge 23 agosto 1988, n.400;

Udito il parere del Consiglio di Stato espresso dalla sezione consultiva per gli atti normativi nell'adunanza del 6
ottobre 1997;

Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri in data 30 ottobre 1997;

A d o t t a il seguente regolamento:

Art. 1. - Campo di applicazione.

1. Nei riguardi di rappresentanze diplomatiche ed uffici consolari di prima categoria, le norme
riguardanti la sicurezza e la salute dei lavoratori sul luogo di lavoro sono applicate tenendo conto delle
disposizioni a tale scopo previste dagli ordinamenti locali.

2. Nei riguardi dei predetti uffici all'estero, le norme sulla sicurezza dei lavoratori e del luogo di lavoro
sono applicate tenendo conto anche delle disposizioni a tutela della sicurezza del segreto di Stato, del
trattamento e custodia di documentazione classificata nonche' delle limitazioni di accesso e delle
particolari caratteristiche delle aree protette e riservate.

Art. 2. - Coordinamento e controllo.

1. La Direzione generale del personale e dell'amministrazione del Ministero degli affari esteri svolge
attivita' di coordinanento e controllo dell'attuazione delle norme riguardanti la sicurezza e la salute dei
lavoratori da parte di rappresentanze diplomatiche ed uffici consolari di prima categoria e fornisce alla
Commissione consultiva permanente per la prevenzione degli infortuni e per l'igiene del lavoro, istituita
presso ll Ministero del lavoro e della previdenza sociale, aggiornati elementi sui casi di incompatibilita'
fra le disposizioni dei vari ordinamenti.

Art. 3. - Sorveglianza sanitaria.

1. Tenuto conto delle particolari esigenze di servizio delle rappresentanze diplomatiche ed uffici consolari
di prima categoria, la sorveglianza sanitaria di cui all'articolo 16, commi 2 e 3, del decreto legislativo del
19 settembre 1994, n. 626, e' rivolta anche all'accertamento dell'idoneita' ad affrontare le condizioni
climatiche della sede di destinazione.

2. I predetti uffici possono avvalersi del consulente sanitario di cui all'articolo 51 del decreto del
Presidente della Repubblica del 5 gennaio 1967, n. 18, purche' in possesso dei titoli previsti dall'articolo 2,
lettera d), del decreto legislativo n. 626 del 1994, come modificato dal decreto legislativo 19 marzo 1996, n.
242.